Non puoi dirlo alla gente Straordinaria testimonianza sul caso Bentwaters:gli UFO che vediamo sono velivoli segreti terrestri

Non puoi dirlo alla gente

Straordinaria testimonianza sul caso Bentwaters:
gli UFO che vediamo sono velivoli segreti terrestri?

di Paola Harris

Nel mio prossimo libro Exopolitics, Problems and Protocols, parlerò anche dell’identificazione degli avvistamenti UFO. Dopo 60 anni di significativa retro-ingegneria di velivoli alieni, dobbiamo chiederci se ciò che vediamo in cielo sia “roba nostra” o “roba loro”. Che tipo di criteri usiamo per stabilirlo? Per avere una risposta, mi sono rivolta a due esperti: uno in materia di UFO e recupero di rottami, l’altro un ingegnere della NASA che ha lavorato per 22 anni a tutte le missioni Apollo.

Sono convinta che alcuni, se non la maggior parte dei velivoli che abbiamo visto nel 2005, siano velivoli top secret nostri retroingegnerizzati. Nel mio libro Il Mistero Svelato, (www.paolaharris.it), riporto un’incredibile intervista con Ed Rothschild Fouche, che ha lavorato nell’Area 51. Fouche parla del TR3B antigravità, un velivolo alieno triangolare retroingegnerizzato, che può venire facilmente scambiato per un UFO… L’avvistamento del Belgio nel 1990 poteva essere un TR3B, ma perché far volare tale aereo sperimentale sopra un’area abitata, mettendo a rischio l’incolumità di civili e abitazioni? Sono stati avvistati molti velivoli triangolari durante i test di volo sul perimetro di Nellis nell’Area 51, da parte di ricercatori e cittadini responsabili. Secondo alcuni, anche la formazione a “V” di Phoenix (vedi Area 51 n.1, Ottobre 2005) potrebbe ricondursi a tecnologia esotica. Il ricercatore dell’Arizona, Jim Dilettoso, che ha esaminato il video e le fotografie, non è d’accordo. Dilettoso afferma che la dottoressa Lynne Kitei, che lo ha filmato, vide gli orbs (sfere) arancioni separarsi e ricongiungersi a quell’enorme velivolo, grande quanto molti campi di calcio. Dunque si potrebbe avanzare l’ipotesi che si trattasse di “roba loro”, soprattutto perché far volare un velivolo di quelle dimensioni sopra l’area densamente popolata di Phoenix, con tante videocamere amatoriali in azione, sarebbe stata follia pura.

 

Veniamo al caso di Rendlesham Forest/Bentwaters. Un ingegnere della NASA mi disse che si trattava probabilmente del TR3B in sorveglianza della base congiunta USA/GB, installazione presumibilmente dotata di testate nucleari americane. Invece, secondo la testimonianza di Larry Warren e del colonnello Charles Halt, è evidente che il velivolo era alieno e che si trovasse in avaria. I militari ne furono terrorizzati. Molti di loro subirono pesanti interrogatori, subito dopo l’evento. Se si trattò di un nostro velivolo di sorveglianza, perché non ne era al corrente il comandante in capo a Bentwaters? In cerca di una risposta, mi rivolsi a Clifford Stone, l’ex sergente dell’esercito USA che aveva lavorato al recupero di rottami nei progetti Moondust e Blue Fly. Stone mi disse, il 2 Gennaio 2005, di trovarsi in Germania all’epoca e che quello di Bentwaters fu un vero caso UFO. In seguito, sono entrata in contatto con un militare di stanza a Bentwaters all’epoca. Steven LaPlume, ora, vive in Cina e, avendomi ascoltata sul programma radiofonico Coast to Coast, volle informarmi in merito al suo coinvolgimento nell’incidente.

 

Dichiarazione scritta a Paola Harris:

Steven La Plume, Airman First Class, assegnato al 81st. Police Squadron.

 

«Io, Steven Robert LaPlume, oggi, 3 Febbraio 2005 desidero dichiarare che quanto mi accingo a dire, a proposito degli avvenimenti accaduti alla Base RAF di Bentwaters dal 26 Dicembre 1980 al 30 Gennaio 1981, è assolutamente vero.

 

Sono stato testimone dell’arrivo dei membri di un altro volo che sono entrati nella sala intorno alle 10 del mattino, ben tre ore dopo la fine del loro turno. Apparvero molto turbati di fronte alle domande sul loro incontro con un UFO durante il turno precedente.

 

Anche Larry Warren mi parlò di fatti avvenuti durante alcune notti che implicavano l’avvistamento di un UFO, del fatto che le luci non avevano funzionato e anche del fatto che lui aveva visto una navicella, tre esseri e un Colonnello che comunicava con essi. Menzionò anche il fatto che esisteva una documentazione filmata e che delle componenti erano state fatte arrivare dalla Germania per riparare la navicella atterrata. Ciò accadde all’inizio del Gennaio 1981.

 

In seguito io ebbi un avvistamento, un evento che fece uscire fuori parecchi alti ufficiali, uno dei quali era in compagnia della moglie perché voleva «riuscire a vederne uno almeno questa volta» (frase della moglie del Tenente Colonnello). Era presente anche il comandante della base, Colonnello Gordon Williams (che il giorno prima era stato promosso Generale dal Congresso) e io lo assicurai che la mia postazione adesso era sicura e protetta, come mi era stato ordinato dal mio comandante di turno, Tenente Englund.

 

In seguito, dopo essere sparito per alcuni giorni, venne da me Larry Warren e mi disse di aver subito un “Interrogatorio/Processo”; io gli confermai di essere seguito da agenti ancora sconosciuti (per me) e di aver capito che, per la mia sicurezza personale, mi conveniva buttare alle ortiche la carriera, perdere la faccia con mio padre (militare fin dalla Seconda Guerra Mondiale) e lasciare la Base e l’Air Force degli Stati Uniti. Fui così determinato nei miei intenti che giunsi al punto di simulare un suicidio squarciandomi lo stomaco, pur di averla vinta, e alla fine fui congedato.

 

La mia opinione personale è che, se c’è stato qualcosa, esso ha messo in pericolo gli armamenti che ospitavamo nella base. Se invece non c’è stato nulla, si è trattato di un episodio di isteria di massa e ciò significa che tutti gli uomini della Polizia Militare non sarebbero stati mentalmente in condizione di adempiere ai compiti di responsabilità che erano stati loro affidati. Ma se non è successo niente, allora perché il comandante in seconda della Base di Woodbridge avrebbe portato la sua famiglia fuori, a fotografare l’UFO? Perché avrebbe fatto una cosa del genere se non c’era nulla da fotografare? E perché il neo-promosso Generale Williams sarebbe uscito nel cuore della notte per investigare di persona?»,

In fede,

Steven Robert LaPlume

 

Di conseguenza, spedii una e-mail a LaPlume, domandandogli se vi fosse qualche possibilità che il velivolo da lui avvistato potesse essere di origine terrestre. Lui rispose:

 

«OK, torniamo alla questione UFO. Ho pensato spesso che quel velivolo potesse esserlo, o qualcosa di simile. So che lo Stealth venne realizzato molto prima di quanto si pensasse, quindi immagino che potesse trattarsi di questo aereo. Non ho soluzioni.

 

Per quanto riguarda la domanda sugli alieni. Tieni a mente che Larry Warren è l’UNICO ad aver affermato che quella notte c’erano degli alieni. Prendilo per ciò che vale, ma nel suo racconto sono state riscontrate delle inesattezze. All’epoca mi piaceva Larry, ma ora ho la sensazione che abbia cambiato e reso più sensazionali le cose, al punto che non so più cosa egli pensi sia vero oppure sia un’invenzione. Credo che la storia di Bentwaters abbia reso Larry una persona molto speciale. Bentwaters è ancora un mistero, ma il caso dovrebbe essere studiato ancora più nel dettaglio».

 

L’ipotesi errata di costanti avvistamenti di velivoli esotici, catalogati come UFO, rappresenta a mio avviso una questione esopolitica, per la quale noi ricercatori dobbiamo sviluppare criteri quanto più possibile esatti. Ciò che la rende ancora più importante è la segretezza che riguarda ancora questo argomento. Ricordiamo ciò che disse l’ex Primo Ministro Margaret Thatcher alla ricercatrice Georgina Bruni sul caso di Rendlesham Forest: «You must get your facts straight and you can’t tell the people – «Devi scoprire cosa è accaduto, ma non puoi dirlo alla gente».

Annunci

Una Risposta to “Non puoi dirlo alla gente Straordinaria testimonianza sul caso Bentwaters:gli UFO che vediamo sono velivoli segreti terrestri”

  1. Sn. Più v che certo v che ufo esistono e sn molto vicini a noi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: