UFO e Cospirazionismo Governativo

31 Maggio 2006
Tratto da Area51 N.9

UFO e Cospirazionismo Governativo

Paranoia di una certa frangia ufologica, o modus operandi dell’establishment? Lucida e raggelante analisi della situazione mondiale, in chiave esopolitica

 di Umberto Telarico

Sin dall’inizio dell’era moderna del fenomeno UFO (a partire dagli anni ’40), un numero sempre maggiore di testimoni di avvistamenti e di ricercatori della materia hanno accusato tutti i governi della Terra – in primis quelli delle superpotenze quali USA, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia – di occultare, sopprimere e/o manipolare tutti quei fatti e dati di maggiore rilevanza oggettiva e scientifica che, se fossero stati confermati, avrebbero fatto letteralmente “saltare” l’ordine politico, economico, sociale e religioso mondiale, come oggi è inteso e costituito. Ovviamente, l’esistenza di una cospirazione governativa internazionale in campo ufologico è negata dalla frangia degli “ufologi razionalisti” (quelli cioè che ritengono il fenomeno UFO di natura convenzionale, ossia un “fritto misto” di tecnologia militare sperimentale, fenomeni fisico-atmosferici ancora sconosciuti o male interpretati, artefatti fraudolenti, fenomeni psico-sociologici e patologico-comportamentali dell’individuo), dagli scettici del CICAP (difensori del sapere accademico e relativa corporazione dei “baroni”) e associazioni analoghe nonché, ovviamente, dalla maggior parte degli esponenti dell’establishment istituzionale internazionale. Secondo gli “ufologi razionalisti” le evidenti omissioni, falsificazioni, manipolazioni e i depistaggi denunciati da testimoni e ricercatori “ufofili extraterrestrialisti”, sono solo il frutto di leggerezze individuali, eccessiva burocrazia, disinteresse per la questione UFO e normale prassi di copertura in ambito militare nazionale. Secondo organismi quali il CSICOP in USA e il CICAP in Italia, e associazioni di analoga tendenza, invece, il fenomeno UFO è stato “più che sufficientemente investigato, peraltro ripetutamente dal 1947 ad oggi, da innumerevoli organismi governativi nazionali, civili e militari (vedi il Project Blue Book e la Commissione Condon in USA) con sempre il medesimo risultato negativo circa una sua natura tecnologica extraterrestre”. Inoltre, sempre a detta dei nostri “difensori del santo sepolcro della scienza accademica”, i vari governi e le istituzioni in generale “non avrebbero alcun interesse a occultare dati e informazioni relative alla questione UFO anche qualora la loro natura si fosse rivelata di origine tecnologica aliena” (sic!).

In realtà, ovviamente, la dialettica circa una sostanziale “buona fede” dei vari governi e dell’establishment istituzionale, sia in merito alla questione UFO sia per ogni altro suo aspetto funzionale, è solo una favola demagogica per adulti affetti da grave forma di deficit intellettivo nonché dalla cosiddetta “sindrome di Stoccolma” (1). La concezione comunemente accettata che identifica il ruolo dei vari governi nazionali – e dello stato più in generale – alla stregua della figura paterna all’interno del nucleo familiare (che vuole il padre necessario, sostanzialmente buono, severo ma imparziale e giusto, spesso apparentemente cinico e insensibile, ma solo per raggiungere l’obiettivo di una migliore qualità di vita per tutta la famiglia, nel nostro caso la massa sociale governata, ecc.) è assolutamente fuori luogo e del tutto falsa. Basta dare uno sguardo disincantato e privo di ogni pastoia ideologica alla storia umana per avere tutte le prove provate circa la reale natura perversa dello stato e delle sue aberranti funzioni sociali. A questo proposito potremmo citare innumerevoli esempi di comportamento, e/o scelte criminali, da parte dei poteri di stato, tra la messe di casi passati e presenti, di cui la nostra storia abbonda. Prendiamo, ad esempio, l’eliminazione dei cosiddetti “testimoni scomodi”.

 

Crimini senza colpevoli

Tutti i governi, salvo rare eccezioni, hanno deciso e fatto eseguire – da quelli poi definiti per ragioni di comodo e facciata come “settori deviati dell’intelligence” o “frange estremiste armate” di varia tendenza politica, o mafia – l’eliminazione, o assassinio, di individui “scomodi”, appartenenti o meno allo stesso apparato istituzionale. Tralasciando gli altrettanto numerosi assassini “politici” di tempi più remoti, ecco alcuni esempi recenti, a partire dal 1800:

– Rasputin, prete/guaritore dello Zar Nicola II, ucciso per il suo grande ascendente, ovvero potere, sulla famiglia dello Zar, in quanto ne manteneva in vita il figlio primogenito affetto da emofilia;

– Leon Trotsky, teorico della rivoluzione bolscevica, fatto uccidere da Lenin perché contrario alla sua “politica” di uccisioni di massa dei contadini restii all’arruolamento forzato nell’Armata rossa, e all’uccisione degli intellettuali e di qualsiasi altro oppositore politico;

– Abraham Lincoln, Presidente USA, ucciso perché favorevole all’abrogazione della schiavitù dei neri d’America;

– Salvatore Giuliano e il cugino Gaspare Pisciotta (eliminati prima che rivelassero pubblicamente i loro legami e i “servigi resi” – tra i quali la strage di Portella delle Ginestra – all’allora governo dell’On. Scelba);

– Marylin Monroe, attrice uccisa perché – in seguito al suo rapporto affettivo con J.F. Kennedy – era venuta a conoscenza di fatti “proibiti” come i legami sporchi tra figure di spicco  dela politica USA e noti mafiosi, i contatti tra un ristretto gruppo di esponenti dell’apparato politico-militare-economico USA, denominato MJ-12, tuttora segreto – con alcune civiltà aliene, e altro ancora;

– Pearl Harbor, la strage di militari americani e civili avvenuta durante l’attacco giapponese alla base nelle Hawai. Fu il pretesto per far accettare ad una restia opinione pubblica americana,  l’intervento USA nella Seconda Guerra Mondiale);

– John Kennedy, Presidente americano, ucciso perché propenso al ritiro delle truppe USA dal Vietnam e, pare, perché favorevole a una ammissione pubblica della realtà del fenomeno UFO e della sua natura aliena);

– Robert Kennedy, Senatore, candidato alla Casa Bianca, ucciso perché fautore della politica del fratello J.F.K.);

– Martin Luther King, leader del movimento non violento per i diritti dei neri in America, ucciso perché a capo del maggiore di tali movimenti popolari e perché era riuscito ad ottenere l’attenzione, la simpatia e il sostegno di una nutrita schiera di rappresentanti del governo;

– Malcolm X, leader del movimento estremista delle “Pantere Nere” per i diritti dei neri in America, ucciso per scatenare la reazione violenta dei componenti del suo movimento e giustificare, così, la conseguente repressione e la sospensione di ogni altra azione politica atta a riconoscere le giuste rivendicazioni dei neri d’America;

– Enrico Mattei, presidente dell’ENI, ucciso in quanto promotore di accordi con i paesi arabi per l’acquisto di petrolio e, per questo, “sgradito” alle multinazionali del petrolio USA);

– Aldo Moro (presidente della Democrazia Cristiana, fautore dell’entrata nel governo del Partito Comunista Italiano e quindi “sgradito” a USA e loro consociati);

– Salvador Allende, presidente del Cile, ucciso su mandato dell’allora Presidente USA Richard Nixon, perché si opponeva all’egemonia economica e alla presenza militare americana nel Centro-America;

– Carlo Alberto Dalla Chiesa, Generale dei Carabinieri, Prefetto, ucciso perché con le sue azioni investigative sui depositi bancari e patrimoni finanziari di esponenti di spicco della mafia, politici, siciliani e non, rischiava di mettere allo scoperto i legami a filo doppio tra il mondo politico, quello imprenditoriale e quello mafioso italiano;

– Roberto Calvi, banchiere, ucciso dopo il crack del Banco Ambrosiano – facente capo al Vaticano – onde evitare la diffusione pubblica dei rapporti esistenti tra Santa Sede, mondo politico e affaristico internazionale senza scrupoli;

– Ysaac Rabin, Primo Ministro Israeliano, ucciso per la sua politica tendente al raggiungimento di un compromesso con il popolo palestinese – rappresentato, all’epoca, dall’O.L.P e dal suo leader moderato Arafat – in quanto ciò avrebbe messo fuori gioco sia l’ala politica israeliana dei “falchi” sia i capi dei gruppi terroristici islamici, nessuno dei quali disposto a rinunciare a sedersi ad un futuro “tavolo della pace”, o della “spartizione” e alla relativa propria “fetta di potere” possibilmente più grossa e ricca di quella del resto del branco;

– Ilaria Alpi, (nella foto a fronte, con il suo operatore Miran Hrovatin) giornalista del TG3, uccisa perché aveva scoperto i legami d’affari sporchi, tra i signori della guerra somala, esponenti del governo e mondo della finanza italiana nel traffico internazionale di armi/rifiuti tossici;

– Le 18 persone – morte “suicide” e/o in inspiegabili incidenti e aggressioni – perché coinvolte a vario titolo nel caso di abbattimento del jet civile Itavia a Ustica, con i suoi 81 civili morti non si sa per colpa di chi e/o cosa;

– Diana Spencer, ex consorte del principe Carlo d’Inghilterra, uccisa dai servizi d’intelligence inglesi in quanto prossima alle nozze con Dodi Al Fayed, finanziere egiziano, dal quale peraltro aspettava già un figlio, situazioni inaccettabili per l’immagine della più antica casa reale ancora in auge e per i principi ereditari (figli di Carlo e Diana), con cui avrebbero condiviso parte della loro vita, e in quanto a conoscenza di fatti e protocolli riservati);

– Marco Biagi, consulente del lavoro per il governo Berlusconi, ucciso dalle “nuove Brigate Rosse”, affinché lo sgomento e la paura di un rigurgito del terrorismo sopissero, come poi è stato, ogni reazione e/o opposizione significativa dell’opinione pubblica, nonché quella solo formale della opposizione di sinistra, a una legge sostanzialmente iniqua, sperequativa e di tipo feudale);

– Le circa 1300 vittime del WTC (torri gemelle) di New York, crollate in seguito all’attentato terroristico di “matrice islamica” – ricondotto ad Al-Qaida, usato quale pretesto – insieme a quello delle fantomatiche armi di distruzione di massa in possesso di Saddam Hussein – per l’invasione dell’Iraq da parte degli USA e dei suoi alleati europei.

Strategia della paura

Ritornando alla questione UFO/alieni, vediamo le principali implicazioni socio-politiche legate al controllo/occultamento della presenza aliena da parte del vigente sistema di potere mondiale e, quindi, valide sia per i governi nazionali sia per tutti gli organismi sovrannazionali, nonché per la maggior parte delle chiese e confessioni religiose diffuse sulla Terra.

In primis, la realizzazione di tecnologie militari e/o di controllo individuale umano derivate da retro-ingegneria ET – lo studio di reperti provenienti dai numerosi UFO-crash verificatisi in varie parti del pianeta e/o derivanti da protocolli di accordo con determinati gruppi/razze di ET. Quindi, far credere all’opinione pubblica mondiale che le intelligenze aliene padrone della tecnologia UFO – o almeno quelle ritenute “sgradite” ai governi – siano ostili, giustificando così gli ingenti stanziamenti economici militari (oltre 1,5 miliardi di dollari l’anno, solo negli USA) e la costituzione di una nuova “minaccia esterna” – questa volta nei confronti di tutta l’umanità – resasi necessaria dopo la caduta del Comunismo e la poca credibilità di quella attuale rappresentata dal terrorismo, fino ad arrivare a uno scontro militare tra “civiltà” con determinate specie di visitatori alieni. E ancora: evitare che il contatto palese e diffuso con determinate culture aliene, portatrici di un sistema di vita improntato sulla pace, sullo sfruttamento di energie rinnovabili, economiche e per nulla inquinanti, nonché miranti allo sviluppo interiore e intellettuale di razze in “pericolo di estinzione” come quella umana – possa sovvertire l’attuale ordinamento socio-politico, economico e religioso mondiale totalmente assoggettato e sottomesso al vigente sistema di potere – o meglio di “guerra” – mondiale.

 

Le leadership dei dogmi

Per le quattro maggiori religioni, cristiana, musulmana, ebraica e induista e la maggior parte di quelle minoritarie, esiste il problema della diffusione di una nuova concezione “aliena” di “Dio” come di una “Mente Universale”, di una “Forza Cosmica Unica”, di una “frammentazione” di questo “Uno Finalistico Multiforme” inteso, a seconda dei casi, come energia, materia inanimata o forma biologica (nel senso più esteso del termine e più o meno senziente che sia) presenti nel cosmo. Tale concezione priverebbe le diverse chiese del loro “unico vero Dio”, invaliderebbe il loro rapporto “privilegiato ed esclusivo” di “intermediazione” con la divinità e spoglierebbe le gerarchie ecclesiastiche di ogni potere e privilegio, privandole del loro potere di soggiogamento psicologico individuale e di massa, ottenuto mediante tecniche di plagio culturale e/o indottrinamento più o meno forzato (spesso mimetizzato sotto forma di “rispetto della tradizione”).

Insieme alle diverse religioni crollerebbe uno dei più importanti “recinti di controllo e contenimento” di quelle pulsioni di libertà e aspirazioni individuali e collettive miranti a una sempre maggiore conoscenza del mondo che ci circonda e al miglioramento della qualità della vita umana, a tutto ovvio discapito degli opposti interessi del sistema di potere mondiale oggi vigente. Diventa così impossibile negare l’esistenza di tutta una serie di ragioni sostanziali atte a motivare l’azione degli organi di governo nel sopprimere con tutti i mezzi – il discredito, la disinformazione, la manipolazione dei fatti, il ricatto e finanche l’assassinio – ogni tipo di evento e/o testimonianza “scomoda” – attinenti alla presenza-interferenza di intelligenze aliene nell’ambito della società umana. Questo, perché tale presenza è in grado di minacciare l’esistenza, la continuità, gli interessi e la leadership delle potenze nucleari, quali gli USA, la Cina, la Russia, l’Inghilterra e la Francia, nonché le principali fedi religiose – monoteiste e non – diffuse sulla Terra.

 

Meglio emarginati che servitori…

Finalmente, siamo in grado di dare con sufficiente cognizione di causa una risposta al quesito iniziale: esiste, oppure no, una cospirazione governativa a livello globale (il concorso tra organi di stato nazionali e soprannazionali, apparentemente indipendenti l’uno dall’altro, miranti al raggiungimento di uno scopo comune) tesa a negare, sopprimere e occultare indiscriminatamente  prove e/o testimonianze di rilievo concernenti la presenza di intelligenze aliene nel nostro ambito planetario e la loro ingerenza (di vario genere e con le più disparate finalità)- nella sfera degli “affari interni” umani? Chiunque si sia posto di fronte a tale interrogativo, con mente aperta e scevra da preconcetti, non può che rispondere “sì, tale cospirazione governativa ha – secondo la vigente logica di stato – tutte le ragioni d’essere”.

Ciò significa che gli indizi, i fatti e le testimonianze che la denunciano sono, in linea di massima, credibili, coerenti e oggettivi. Pertanto, riteniamo sia molto meglio essere emarginati perché annoverati tra la schiera di quegli ufologi e non, considerati dei “visionari paranoici” – alla stregua di un David Icke (10) – ma essere liberi dal dilagante plagio mentale del “grande fratello” di orwelliana memoria. Liberi ed emarginati, piuttosto che essere accettati dai componenti della cosiddetta “buona società ufologica”, in quanto ricercatori “moderati e allineati” – ossia rispettosi delle istituzioni. Piuttosto che essere come delle cavie da laboratorio che passeggiano in un labirinto sotto l’occhio attento e vigile del padrone, o “sperimentatore”, ossia del potere di stato, o governi che dir si voglia.

Lasciamo a ciascun Lettore la decisione di schierarsi, virtualmente, con la fazione degli “allineati”, o con quella dei “ribelli”. Prima o poi, in un modo o nell’altro, la verità verrà fuori comunque. Speriamo solo che, allora, ci sia ancora qualcuno in grado di riconoscerla e di farne buon uso.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: